Vacanze a 6 zampe

Vacanza nel cuore del Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise

Andare in vacanza rappresenta un momento di serenità e divertimento, ma dove lasciare il cane? In qualche pensione? Avrà delle ripercussioni sul suo carattere? E i costi? Perché invece non portarlo con noi e fare una vacanza a misura di tutto il branco/famiglia? Qui di seguito vi darò delle informazioni utili per poter passare una bella vacanza con il cane nel Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise.

 

COSA VISITARE

  • PUNTO INFORMAZIONI DEL PARCO: prima di prenotare è bene telefonare a uno di questi punti (presenti in molti paesi del Parco) per avere informazioni generiche su eventuali restrizioni che potreste avere con i cani e vi informeranno sui sentieri che potete o meno percorrere: non è possibile entrare nelle aree di riserva integrale, è vivamente consigliato non percorrere sentieri dove sono presenti greggi di pecore (per evitare incontri con cani pastore) e ci sono delle restrizioni stagionali e anche in altre zone. Quando arrivate sul posto è bene recarvi di persona in uno di questi centri, così da poter avere informazioni più dettagliate. Ricordiamo che nel Parco è vietato far infastidire gli animali selvatici dal nostro cane (abbaiare, correre dietro…), che deve rimanere al guinzaglio.
  • MUSEO DEL LUPO: si trova a Civitella Alfedena, il museo è piccolo, ma molto interessante, è possibile visitarlo anche con i cani, l’importante è non andare nella parte in cui il pavimento è rivestito con la moquette, per evitare di rovinarlo. Il prezzo è simbolico (clicca qui per approfondire)
  • AREA FAUNISTICA DEL LUPO: si trova a Civitella Alfedena, sono presenti vari lupi che sono più facilmente visibili al tramonto. Se andate con i cani è possibile che i lupi si avvicinino alla rete, quindi evitate di metterli a confronto (clicca qui per approfondire)
  • AREA FAUNISTICA DELLA LINCE: si trova a Civitella Alfedena, abbiamo trovato questa area tenuta male, nel senso che non sembra curata e non è stato possibile avvistare la lince. In questa parte del paese è più facile incontrare un gregge di pecore con i relativi cani, quindi attenzione (clicca qui per approfondire)
  • CIVITELLA ALFEDENA: in questo paesino molto carino (clicca qui per approfondire) è possibile visitare il Museo del Lupo, l’Area Faunistica del Lupo, l’Area Faunistica della Lince e è possibile vedere il paesaggio panoramico sul lago in direzione di Barrea
  • LAGO BARREA: possibilità di fare tutto o quasi il perimetro del lago in passeggiata, magari in più volte (clicca per approfondire)
  • PESCASSEROLI: un paese piacevole, vivace e turistico, dove è possibile trovare negozi di souvenir, prodotti tipici e a volte molta gente (clicca per approfondire)
  • VILLETTA BARREA: paesino molto molto tranquillo (clicca qui per approfondire), a pochi minuti dai sentieri e costeggiando (soprattutto nel primo tratto) il Sangro è possibile arrivare al lago anche a piedi. E’ possibile vedere vari cervi (quasi impossibile non vederli) e a volte viene avvistato anche l’orso (più fugace). Il paese è un buon posto per rilassarsi, completamente percorribile a piedi, ma non fate troppo affidamento sui negozi, a volte chiusi. E’ presente il museo della transumanza (clicca qui per approfondire)
  • CAMOSCIARA: sentiero facile e accessibile su strada asfaltata, bel paesaggio (clicca per approfondire). Alla fine del sentiero è possibile proseguire su un sentiero verso la cascata, bel sentiero e corto, ma con una difficoltà appena maggiore oppure sempre dal punto d’arrivo (una specie di piazzale) è possibile proseguire per un sentiero più difficile, a tratti pericoloso (soprattutto con i cani), che porta fino ad un rifugio, consiglio questo tratto a chi è un po’ più esperto e soprattutto a chi riesce a controllare completamente i propri cani
  • GIOIA VECCHIO: direttamente sul belvedere del paese è possibile lasciare l’auto e provare ad avvistare l’orso, che si vede con una certa facilità nella vallata sottostante o sulla montagna di fronte. E’ consigliato munirsi di binocolo.
  • VAL FONDILLO: paesaggio bellissimo e sentiero facile inizialmente, leggermente più faticoso nel tratto successivo (clicca qui per approfondire)
  • SENTIERI VARI: sono presenti vari sentieri, ognuno con le sue caratteristiche e peculiarità… il Parco è vasto e ognuno può scegliere in base ai propri gusti (clicca qui per approfondire)

 

DOVE DORMIRE

Abbiamo soggiornato a Villetta Barrea, un paesino molto piccolo e tranquillo, un luogo ottimo per poter raggiungere in poco tempo (in auto) i sentieri. Tra l’altro anche nel paese stesso è possibile vedere i cervi nei posti più disparati, ma se vi recate nella zona più vicina al fiume Sangro le possibilità aumentano, hanno

paura dell’uomo, ma li si può osservare da molto vicino, senza esagerare però: sono animali selvatici e in quanto tali vanno lasciati in tranquillità.

Complice il periodo giusto (settembre), soprattutto nelle piacevoli passeggiate serali in paese, è stato possibile ascoltare i bramiti dei cervi, cosa che ha reso l’atmosfera ancora più suggestiva.

Siamo andati in 2 persone e 3 cani (mix da caccia, Pastore Maremmano-Abruzzese e Rottweiler), abbiamo pernottato presso gli APPARTAMENTI DE SANCTIS (clicca qui per approfondire), in un locale di circa 60 mq, composto da un salone con cucina a vista, una camera da letto molto grande e un bagno. Avevamo a disposizione macchina del gas, frigorifero, forno elettrico, WI-FI, 2 piccole tv, tavolo, sedie, lavatrice, phon, divano e tante altre cose. Fuori un bel giardino e vista la presenza di altre persone e simpatici gatti, non si può utilizzare da wc per i cani, i quali devono essere giustamente tenuti a guinzaglio. La cosa curiosa è che soprattutto di notte bisogna fare attenzione a chiudere bene il cancello del giardino, altrimenti ci si può ritrovare con un cervo fuori la porta.a signora che ci ha accolto negli Appartamenti De Sanctis è molto gentile e premurosa, è venuta più volte incontro alle nostre richieste, ci ha messo a disposizione l’appartamento giusto per la nostra situazione e il prezzo è veramente buono per quello che offre, che dire… non potevamo chiedere di più, nell’insieme il rapporto qualità/prezzo è veramente ottimo, ve lo consiglio!

APPARTAMENTI DE SANCTIS

Via Casette 58 bis - 67030 Villetta Barrea (AQ)

Tel.: 0864/89298 Cel.: 331/8852519

Web: www.appartamentidesanctis.it - Email: info@appartamentidesanctis.it

 

PERICOLI

  • CANI DA PASTORE DELLE GREGGI: meglio non avvicinarsi con i cani ai guardiani a 4 zampe delle greggi, nei punti informazioni del Parco vi possono comunicare i sentieri da evitare ORSO: l’orso marsicano è “timido” e è veramente molto difficile che attacchi l’uomo, tanto che non risultano segnalazioni in merito da veramente molto tempo, se si trova davanti uno o più cani però gli equilibri potrebbero cambiare, quindi massima attenzione
  • LUPI: non risultano attacchi all’uomo da parte del lupo appenninico nell’ultimo secolo, se però avete dei cani è bene stare più attenti
  • BOCCONI AVVELENATI : ci hanno segnalato che sono stati trovati in qualche sentiero, quindi è bene portarsi l’acqua ossigenata per indurre il vomito. Nel Parco il cane deve rimanere sempre a guinzaglio, quindi è più facile evitare che mangi qualcosa da terra
  • SERPENTI: in questa zona i serpenti velenosi ci possono essere, quindi è bene stare attenti in posti dove potrebbero ripararsi e non essere visti da noi (sotto una pietra, dentro un cespuglio…)
  • CINGHIALI: se ne vedono, ma generalmente sono degli animali paurosi, è bene comunque non avvicinarsi, soprattutto se in presenza di piccoli
  • DIFFICOLTA’ A REPERIRE VETERINARI: purtroppo non siamo riusciti a trovare un veterinario nella zona che funzionasse h24, consiglio comunque di verificare
  • CANI VACANTI: a Villetta Barrea (dove abbiamo soggiornato) ho avuto modo di vedere soltanto un Pastore Maremmano-Abruzzese libero, noi non siamo andati da lui e lui non è venuto da noi. Invece siamo stati attaccati due volte (con i nostri cani al guinzaglio) in due circostanze diverse da due cani “kamikaze”: nella prima circostanza un Akita Inu ha trovato aperto il cancello del suo giardino e ha pensato bene di venire ad aggredire il mio Rottweiler, la seconda volta un Labrador nero è uscito da un negozio e trovandosi senza guinzaglio ha optato per aggredire il mio Rottweiler… ovviamente non ci sono stati problemi, ma mi viene in mente che se avessimo avuto un cane di piccola taglia, forse sarebbe stato ferito. A Pescasseroli la situazione è più complicata, perché i cani vacanti (randagi o padronali che siano) sono molti e le possibilità di zuffe aumentano considerevolmente. A Civitella Alfedena invece abbiamo avvistato un solo Pastore Maremmano-Abruzzese solitario e senza padrone, in un'altra circostanza abbiamo sentito passare un gregge che sembrava provenire dalla zona vicino all’Area Faunistica della Lince.

 

CONSIGLI

Portare con se…

    • il libretto delle vaccinazione del cane
    • il documento di iscrizione all’anagrafe canina
    • un kit di primo soccorso veterinario
    • un impermeabile per il cane (di quelli leggeri, non imbottiti) da usare in caso di pioggia improvvisa
    • acqua e ciotola pieghevole in silicone, così da dare la possibilità al vostro amico a 4 zampe di poter bere (ogni 2 ore circa)


condividi